WWW.THESES.XLIBX.INFO
FREE ELECTRONIC LIBRARY - Theses, dissertations, documentation
 
<< HOME
CONTACTS



Pages:     | 1 | 2 || 4 |

«La Società, fondata nel 1928 dal Barone Amerigo Sagna, fin dai suoi inizi si è specializzata nell’importazione e distribuzione di vini, liquori e ...»

-- [ Page 3 ] --
Proprietà storica della famiglia, questo Grand Cru porta il nome dei Faiveley nella sua stessa denominazione. Sicuramente l’appellazione più famosa dei Corton Rouge, questo vino è, anno dopo anno, uno dei grandi vanti della Casa.

CLOS VOUGEOT GRAND CRU

Il Clos Vougeot disputa alla Romanée-Conti ed al La Tâche la palma di vino più celebrato della Borgogna.

In questa vigna chiusa e dominata dallo splendido castello, sede della Confrerie des Tastevin de Bourgogne, il Pinot Nero tocca vertici di assoluta eccellenza.

MERCUREY ROUGE PREMIER CRU “LA FRAMBOISIÈRE”

Per quanto l’origine del nome di questo Premier Cru si perda nelle brume del medioevo, sicuramente non è estranea al profumo di lampone che caratterizza questo vino da giovane.

MERCUREY BLANC PREMIER CRU “LES MAUVARENNES”

Il suolo del Mercurey è molto simile a quello del vicino Chassagne Montrachet e questa vigna non si smentisce dando un vino bianco potente e di gran razza, con leggero sentore di miele.

CORTON CHARLEMAGNE GRAND CRU

Con il Montrachet è senza dubbio il miglior vino bianco della Borgogna.

Lo Chardonnay raggiunge, in questa vigna celebrata da oltre 12 secoli, una pienezza ed una complessità senza pari.

Ha possibilità di invecchiamento praticamente infinite.

VINI DELLA VALLE DELLA LOIRA

BARON DE LADOUCETTE

Il Produttore La famiglia de Ladoucette è da generazioni una delle più note produttrici di vino al mondo.

Vanta una gamma di vini d’assoluta eccellenza e di fama mondiale, universalmente riconosciuti al vertice della produzione enologica francese.

I prodotti

POUILLY FUMÉ DE LADOUCETTE

Vinificato ed affinato in acciaio, è un Sauvignon strutturato e di lenta maturazione.

Domina il fruttato e l’aroma di fiori bianchi.

POUILLY FUMÉ DE LADOUCETTE 200ème VENDANGE Raffinatissima selezione di Sauvignon che, con qualche anno di maturazione in più, esalta le caratteristiche dei migliori Pouilly Fumé.

SANCERRE COMTE LAFOND

Due anni d’acciaio ne fanno un vino fresco, strutturato e floreale, pur essendo asciutto e nervoso. Eccellente con crostacei e frutti di mare.

SANCERRE HAUT DE LA POUSSIE

Trova origine dai migliori filari (i più alti) del più celebrato cru di Sancerre: il Clos de la Poussie.

Profumatissimo, grasso e strutturato, si differenzia sostanzialmente dal Sancerre Comte Lafond.

SANCERRE ROUGE COMTE LAFOND

Un Pinot Nero di corpo e buon equilibrio, con retrogusto fermo e potente.

Spiccato aroma di frutti rossi, bouquet pieno e intenso.

SANCERRE BLANC e SANCERRE ROUGE COMTE LAFOND GRANDE CUVÉE

Frutto di una selezione rigorosa, questi vini sono il risultato dell’assemblaggio delle migliori parcelle, tutte con vigne di oltre trent’anni. Complessi, ben equilibrati, morbidi ed eleganti, esaltano finezza e leggerezza.

–  –  –

Il Produttore La Casa Albert Pic risale al 1755 ed appartiene al Barone Patrick de Ladoucette, il notissimo produttore del Pouilly Fumé “Baron de L”.

I grandi investimenti effettuati negli ultimi anni hanno fatto sì che la Casa Pic vanti ora una delle migliori cantine, con modernissime attrezzature e tecnologie all’avanguardia.

A differenza della maggior parte dei produttori che commercializzano oltre allo Chablis tutte le altre qualità di vini di Borgogna, la Maison Albert Pic è specializzata solo nella produzione di grandi vini bianchi ed è dunque rappresentativa della miglior tipicizzazione della regione.

Vanta infatti una gamma di Chablis completa che comprende tutte le denominazioni classiche della zona, alle quali si aggiunge il gioiello della casa: lo Chablis Pic Premier.

I prodotti

PETIT CHABLIS

Vino piacevole e profumato, prodotto, come tutti i vini della zona, con uve Chardonnay.

CHABLIS

Strutturato e completo, dà il meglio di sé dopo alcuni anni di bottiglia.

Se ben conservato può invecchiare 5 anni o più.

CHABLIS PREMIER CRU MONT DE MILIEU

Proveniente da una zona particolarmente vocata, ha corpo ben strutturato e grande equilibrio. È bene concedergli due o tre anni di affinamento.

Le buone annate sono eccellenti anche dopo 10 anni.

CHABLIS GRAND CRU CLOS e GRAND CRU VALMUR

Questi vini hanno origine nelle vigne più rinomate della regione.

Grandissimi, ricchi e complessi, vantano un’armonia ed un equilibrio unici.

Il Valmur, sito in una piccola valle, è il più raffinato ed elegante dei “Grands Crus”.

La vigna Clos sorge su di un dosso e dà il “Grand Cru” più strutturato e potente.

Sono vini che hanno enormi potenzialità di invecchiamento e non è raro trovarne di stupefacenti dopo più di 15 anni di bottiglia.

CHABLIS GRAND RÉGNARD e GRAND RÉGNARD COLLECTION

Prodotto da una selezione dei migliori Cru esposti ad Ovest, per questo vino si utilizza solamente la prima spremitura ed il “jus de goutte”.





Intenso e molto aromatico al naso, domina l’aroma di frutti, particolarmente albicocca e mela renetta.

Di eccellente lunghezza, ha un bel finale intenso.

PIC PREMIER

Una severa selezione delle migliori uve di Premiers e Grands Crus, tutte provenienti da vigne di oltre 30 anni, regala questo magnifico Chardonnay di grande complessità, che solo con gli anni esprimerà il suo enorme potenziale.

VINI DI BORDEAUX: SAINT EMILION

Potenti e generosi, di un bel colore granata, con un bouquet particolare e molto fine sono tra i più robusti rossi di Bordeaux.

Invecchiano assai bene e spesso raggiungono la perfezione dopo una decina d’anni.

CHÂTEAU CHEVAL BLANC PREMIER GRAND CRU CLASSÉ A

Questo famosissimo vino sa coniugare al meglio i caratteri del vicino Pomerol (potendone sfruttare il microclima), con quelli tipici del Saint-Emilion.

È particolare l’alta percentuale di Cabernet Franc (57%), che in questi terreni ha dimostrato di dare il meglio di sé e che dà a Cheval Blanc un’impronta che lo rende unico.

Il vino ha caratteristiche tali da prestarsi a lunghissimi invecchiamenti (57% Cabernet Franc, 41% Merlot, 1% Malbec, 1% Cabernet Sauvignon).

CHÂTEAU AUSONE PREMIER GRAND CRU CLASSÉ A

La tradizione vuole che questa splendida proprietà occupi la posizione dove sorgeva la villa del poeta Ausonio, da cui prese il nome.

Ammirevolmente esposte a Sud, le sue vigne sono circondate da una cintura di rocce che le proteggono dai venti freddi del nord. I ceppi di vigna centenari danno un vino che, da tempo, è considerato in testa ai grandi vini del Saint-Emilion ed uno dei migliori di Francia.

La fermentazione avviene in tini di legno a temperatura controllata e l’affinamento si prolunga per 18 mesi in barrique nuove (50% Merlot, 50% Cabernet Franc).

CHÂTEAU MAGDELAINE PREMIER GRAND CRU CLASSÉ

Le vigne sorgono nella parte migliore della denominazione d’origine, ed hanno un’età media superiore ai 35 anni, con impianti di Merlot (90%) e Cabernet Franc (10%).

Queste percentuali uniche nella zona, conferiscono al vino la sua reputata eleganza, delicatezza e armonia.

La vinificazione avviene in tini e l’affinamento in barrique, come vuole la tradizione.

VINI DI BORDEAUX: POMEROL

I vini di questa zona hanno la finezza dei Médoc e il vigore dei Saint-Emilion.

Hanno un magnifico bouquet con sentore di tartufi ed invecchiano con grande eleganza.

Le denominazioni d’origine sono Pomerol e Lalande Pomerol.

PÉTRUS È riconosciuto come il numero uno di tutta l’area di produzione.

Come tutti i grandissimi, non delude mai, anno dopo anno.

Esalta al massimo le migliori qualità del Merlot restando naturale nell’espressione del territorio.

Ha colore molto intenso, ed una gamma d’aromi estremamente vasta e complessa, che va dai frutti rossi alle spezie esotiche. Netto il sentore di tartufo.

Sempre elegantissimo, ha un potenziale d’invecchiamento estremamente lungo.

CHÂTEAU TROTANOY

È uno dei vini più reputati e richiesti del Pomerol. Concentrato e di colore intenso, da giovane può essere anche più ricco e robusto di Pétrus.

Di grandissimo impatto e notevole potenza, sempre legata a grande finezza.

Ha aromi di cioccolato amaro ed un caratteristico sentore di tartufo.

Come tutti i grandi vini ha bisogno di parecchi anni per arrivare ad esprimersi al meglio.

CHÂTEAU LA FLEUR-PÉTRUS Château La Fleur-Pétrus è uno dei migliori cru di Pomerol.

Sorge sul Plateau che accoglie tutti i più grandi vini della denominazione Pomerol.

Contiguo a Pétrus, ha un suolo essenzialmente ghiaioso.

Come il suo illustre vicino, ha una storia plurisecolare, ed ora appartiene alla famiglia Moueix.

Regala ogni anno grandissimi vini, profumati, intensi ed eleganti.

Anni di bottiglia non possono che esaltarne le caratteristiche e le qualità.

VINI DI BORDEAUX: SAINT-ESTÈPHE

CHÂTEAU DE PEZ e CHÂTEAU HAUT-BEAUSÉJOUR

Il Produttore Nel 1992 Jean-Claude Rouzaud, proprietario e presidente della Casa di Champagne Louis Roederer, scoprì nel cuore del Saint-Estèphe due magnifiche proprietà, entrambe classificate “Cru Bourgeois” nel classement del 1932.

Avendone intuito le grandissime potenzialità inespresse ed essendone rimasto affascinato, decise di acquistarle entrambe e si lanciò con entusiasmo nella sfida.

Nel medesimo tempo si costituì una squadra di tecnici competenti ai quali Jean-Claude Rouzaud trasmise i propri metodi, ma soprattutto la sua filosofia di lavoro che mira ad ottenere la massima qualità a qualunque costo.

Il terreno è caratterizzato dal tipico suolo ghiaioso e da un sottosuolo argilloso che garantisce un buon drenaggio.

Il clima temperato risente di una forte influenza del vicino Oceano Atlantico.

I prodotti

CHATEAU HAUT-BEAUSEJOUR CRU BOURGEOIS

Affinato per 12-15 mesi in fusti di quercia (40% di barriques nuove), al naso rivela grande complessità di aromi fruttati con sentori di legno.

Ottima concentrazione con buon equilibrio aromatico sostenuto da tannini morbidi e fini.

Piacevole persistenza.

CHATEAU DE PEZ CRU BOURGEOIS EXCEPTIONNEL

Pez è, con Calon, il più antico vigneto di Saint-Estèphe. La sua origine risale al XV secolo.

È caratterizzato da un colore intenso e profondo. Un lungo periodo di maturazione è necessario per permettere a questo vino di sviluppare tutte le sue grandissime potenzialità.

Vino robusto e di grande corpo, con l’invecchiamento, le sue numerose componenti si fondono in un’eccellente armonia.

VINI DI BORDEAUX: PAUILLAC

CHÂTEAU PICHON LONGUEVILLE COMTESSE DE LALANDE

Tra i più noti vini di Bordeaux, unisce la finezza ed i tannini dei grandi Médoc.

La sua espressione aromatica mescola il lampone, la violetta, il succo di ciliegia e qualche nota di sigaro.

La sua struttura è equilibrata, consistente, fatta per durare negli anni.

Mediamente nella sua composizione interviene per il 64% il Cabernet Sauvignon e per il restante 36% il Merlot.

Trascorre dai 16 ai 18 mesi in barrique, nuove per il 50% del totale.

RESERVE DE LA COMTESSE

Deuxième vin di Pichon, fine e preciso a livello aromatico, ha un marcato profumo di ribes nero.

In bocca il vino è teso, serrato, compatto ed il suo finale si spande con persistenza ed eleganza.

Da giovane si presenta tannico, ma senza austerità.

L’invecchiamento dirà il seguito.

Il suo assemblaggio è composto da 58 % Cabernet Sauvignon, 36 % Merlot e 6% Cabernet Franc.

CHÂTEAU BERNADOTTE

Questa bella proprietà, situata nel Haut-Médoc, fa da corollario ai grandi vini di Château Pichon.

Vino fresco, dinamico ma consistente, è un Haut-Médoc che unisce modernismo e tradizione.

Nella sua composizione intervengono il Cabernet Sauvignon (46%), Merlot (51%) e Petit Verdot (3%).

Passa 12 mesi in botti, delle quali solo il 15% viene annualmente rinnovato.

La sua struttura, degna dei migliori cru, invecchiando acquisterà delicatezza.

VINI DI BORDEAUX: MARGAUX CHÂTEAU PALMER e CHÂTEAU D’ANGLUDET

CHÂTEAU PALMER

I 45 ettari di vigna che presero il nome dal Generale Palmer, sono piantati a Cabernet Sauvignon 50%, Merlot 40%, Cabernet Franc 7%, Petit Verdot 3%.

Viene conservato in barrique per 24 mesi.

Ha finezza e sericità, con un fruttato morbido caratterizzato da un inconfondibile profumo di violetta.

Mai troppo potente o corpulento, è sempre perfettamente equilibrato.

Aristocratico e coinvolgente, quando raggiunge la piena maturità è morbido, generoso e vellutato, con un bouquet fruttato elegante, ricco e complesso.

In bocca ha un finale di grande distinzione e raffinatezza.

ALTER EGO DI PALMER

Proveniente dalle medesime eccezionali vigne di Palmer, ne possiede la stessa finezza e complessità aromatica.

Pur essendo atto a lunghi invecchiamenti, l’Alter Ego si può apprezzare anche da giovane: freschezza, concentrazione e morbidezza gli permettono di raggiungere piuttosto presto il suo apogeo.

CHÂTEAU D’ANGLUDET Château d’Angludet, che risale al XII secolo, ha 32 ettari di vigne, con un suolo leggero e profondo, ricco di sabbia e pietre, tipico delle migliori zone del Bordolese.

Vitigni: Cabernet Sauvignon 58%, Merlot 35%, Cabernet Franc 2%, Petit Verdot 5%.

Matura per 18 mesi in barrique, di cui un terzo viene rinnovato annualmente.



Pages:     | 1 | 2 || 4 |


Similar works:

«THE EUROPEAN UNION, THE UNITED STATES & ‘LIBERAL IMPERIALISM’ MICHAEL BRENNER University of Pittsburgh mbren@pitt.edu January 2006 About the Author Michael Brenner is Professor of International Affairs at the University of Pittsburgh. His published writings on Euro-American relations and American foreign policy include articles in Foreign Policy, Survival, International Affairs (London), Politique Etrangere and International Politik. He is the author of Reconcilable Differences:...»

«Journal of Catalan Studies 2011 Modernising Melodrama: From Douglas Sirk to Isabel Coixet Jennie Rothwell Trinity College Dublin Since the death of Franco, Spain has enjoyed a revival of the melodramatic tradition in the cinema, spearheaded by Pedro Almodóvar with films like Qué he hecho yo para merecer esto (1984) and more recently Volver (2006). As Nuria Triana Toribio notes, ‘the most prominent filmmakers of the early 1990s advocated an aesthetic and thematic break with the politically...»

«1 Visiting Creativity Country: A Policy-maker’s Travel Guide Ainslie Yardley and John Bailey (Australia) Abstract This contribution looks at the theatre artist as facilitator in the social policy realm. The authors discuss alternative interpretive angles and mediating possibilities offered by embodied creative processes, which are not otherwise available to social policy researchers. We discuss why social policy-makers need to be not only ‘informed’ by applied theatre research and...»

«Asia Pacific Journal of Research Vol: I Issue XIII, January 2014 ISSN: 2320-5504, E-ISSN-2347-4793 A STUDY ON THE AWARENESS LEVEL OF LIC POLICY HOLDERS IN SALEM DISTRICT Dr.T.Thirupathi, Assistant Professor of Commerce, Government Arts College, (Autonomous), Salem, Tamil Nadu – 636 007 Introduction Life Insurance Corporation of India (LIC) is the largest insurance group and investment company in India. It is a state-owned company where the Government of India has 100% stake. It has assets...»

«INTERNATIONAL MONETARY FUND Conditionality in Fund-Supported Programs—Policy Issues Prepared by the Policy Development and Review Department (In consultation with other departments) Approved by Jack Boorman February 16, 2001 Contents Pg I. Introduction II. Conditionality and Ownership: General Principles and Issues A. Purposes of Conditionality B. Principles of Program Monitoring C. Monitoring Tools D. Conditionality and Ownership III. Recent Experience with Conditionality IV. Streamlining...»

«POLICY MAKING MODELS AND THEIR ROLE IN POLICY EDUCATION Alan J. Hahn Cornell University The purposes of this paper are to (1) review commonly used models of policy making and discuss their applications in policy education and (2) summarize recent developments in research and theory and speculate about their implications for policy education. Commonly Used Models The following models are those covered in standard textbooks on public policy (e.g., Anderson; Dye). Institutionalism. This is the...»

«UNDERSTANDING POLICY FORMULATION: A TOOLS PERSPECTIVE 1 John Turnpenny Senior Lecturer in the School of Politics, Philosophy, Language and Communication Studies, University of East Anglia, Norwich, UK Andrew Jordan Professor of Environmental Policy, Tyndall Centre School of Environmental Sciences, University of East Anglia.ABSTRACT Policy formulation is a key element of policy-making, but in spite of increasing interest it is still greatly under-explored. This paper develops a research agenda...»

«Article Teaching Public Administration 2015, Vol. 33(1) 22–39 How can policy theory ª The Author(s) 2014 Reprints and permissions: have an impact on sagepub.co.uk/journalsPermissions.nav DOI: 10.1177/0144739414532284 policymaking? The role tpa.sagepub.com of theory-led academic– practitioner discussions Paul Cairney University of Stirling, Stirling, United Kingdom Abstract Policymakers and academics often hold different assumptions about the policymaking world based on their different...»

«National Youth Development Policy of Belize Belizean Youth Taking The Lead Vision of the Belizean Youth Belizean Youth, united and empowered and positively contributing to national, regional and international development through increased access to opportunities for leadership and selfdevelopment that promote their overall wellbeing and supports the realization of their dreams and aspirations. National Youth Development Policy of Belize, 2012 Message from the Minister of Education, Youth and...»

«Getting out and about: Investigating the impact of concessionary fares on older people’s lives A study by the Transport Action Group – Manchester Authors: Emily Hirst and Bill Harrop July 2011 Getting out and about: Investigating the impact of concessionary fares on older people’s lives A study by the Transport Action Group – Manchester Authors: Emily Hirst and Bill Harrop. Preface The Transport Action Group This study was initiated through the Transport Action Group – Manchester...»

«Gennaro AVALLONE El campo neoliberal y su crisis. Agricultura, sociedad LIBROS CRÍTICA DE local y migraciones en la Europa del Sur El campo neoliberal y su crisis. Agricultura, sociedad local y migraciones en la Europa del Sur* 1 The Neoliberal country and its crisis. Farming, local society and migrations in the Southern Europe Gennaro AVALLONE Università degli Studi di Salerno gavallone@unisa.it BIBLID [ISSN 2174-6753, nº6: 39-55] Artículo ubicado en: www.encrucijadas.org Fecha de...»

«Critical Social Thinking: Policy and Practice, Vol. 2, 2010 School of Applied Social Studies, University College Cork, Ireland Review Essay Raising Princesses? Gender socialisation in early childhood and the Disney Princess franchise Ashlee Hynes, BA (Early Childhood Studies) This essay is an exploration of some of the messages portrayed to children through the Disney Princess franchise about gender roles. Gender socialisation processes in relation to the Disney Princess brand are reviewed with...»





 
<<  HOME   |    CONTACTS
2016 www.theses.xlibx.info - Theses, dissertations, documentation

Materials of this site are available for review, all rights belong to their respective owners.
If you do not agree with the fact that your material is placed on this site, please, email us, we will within 1-2 business days delete him.